shito ryu - webmarziale karate

cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

shito ryu

stili

lo stile Shito Ryu
Lo Shitō-ryū è una combinazione di stili che tenta di unire le varie radici del karate. Da un lato, Shitō-ryū ha la potenza e le posizioni lunghe e stabili degli stili derivati dallo Shuri-te, quali Shorin-ryū e Shotokan (松涛館), dall'altro Shitō-ryū usa movimenti circolari e diretti in otto direzioni, alterna tecniche "dure" e "morbide" e pone attenzione alla respirazioni, caratteristiche degli stili Naha-te, Tomari-te (泊手), quali Gōjū-ryū (剛柔流). Lo Shitō-ryū è estremamente veloce, ma può essere artistico e potente.

Inoltre lo Shitō-ryū, formalizza ed enfatizza, le cinque regole di difesa sviluppate da Kenwa Mabuni, e conosciute come: Uke no go gensoku (受けの五原則), Uke no go genri (受けの五原理) o Uke no go ho (受けの五法) :

落花 (rakka, "petali cadenti"). L'arte di parare con forza e precisione andando a distruggere completamente il movimento d'attacco di un avversario. Esempi di rakka sono le parate più conosciute come: gedan-barai (下段払い) o soto-uke (外受け).
流水 (ryūsui, "acqua corrente"). L'arte di fluire sugli attacchi dell'avversario e attraverso di lui, parare leggermente. Gli esempi sono: nagashi-uke (流し受け) e osae-uke (押さえ受け).
屈伸 (kusshin, L'"elasticità"). Questa è l'arte di balzare indietro sull'attacco dell'avversario, changing or lowering stance only to immediately e ccontrattacando. I classici esempi sono i cambiamenti di posizione passando da: zenkutsu (前屈立ち) a kōkutsu (後屈立ち) e da moto-dachi (基立ち) a nekoashi-dachi (猫足立ち).
転位 (ten'i, "transposition"). Ten'i è l'impiego di tutte le otto direzioni di movimento, spostandosi principalmente dalla linea di attacco.
反撃 (hangeki, "contrattacco"). Una difesa hangeki è un attacco che allo stesso tempo devia un attacco di un avversario prima che lo stessa arrivi sul difensore. Esempi di questi sono i vari tipi di tsuki-uke (突き受け), incluso lo yama-tsuki (山突き).

I moderni stili di Shitō-ryū danno una grande enfasi al combattimento. Lo Shitō-ryū pone particolare attenzione alla velocità, e nei combattimenti si usano generalmente posizioni più alte che nello Shotokan. Molto tempo è necessario allo studio dei kata, che sono molto numerosi (da 40 a 60).

Le maggiori branche di Shitō-ryū includono:

Shitō-kai (糸東会): Una delle due branche che reclamano una linea di discendenza diretta dallo Shitō-ryū. Nel 1960 uno studente di Mabuni, Manzo Iwata, fondò la Japan Karate-dō Kai orientale a Tokyo e il figlio di Mabuni, Kenei, foundò la Japan Karate-dō Kai Occidentale a Osaka. Le due branche furono riunite nel 1964, stabilendo la All Japan Karate-dō Federation Shitō-Kai, la quale, dopo la morte di Manzo Iwata (avvenuta nel 1993) divenne nota come World Shitō-ryū Karate-dō Federation. Fu gestita dal presidente Ken Sakio (un allievo di Chōki Motobu e di Mabuni Kenwa), dal 1993 al 2004. Attualmente è diretta dal presidente Tokio Hisatomi, uno studente di Mabuni Kenwa[1]

Seitō Shitō-ryū: Seitō, ossia "vero" Shitō-ryū, è uno stile promosso dalla Shitō-ryū International Karate-dō Kai ed è l'altra delle due branche che rivendicano una linea di discendenza diretta da Kenwa Mabuni. Fu fondato dal figlio di Kenzo Mabuni, e da lui diretta fino alla morte nel 2005; appartiene ora alla figlia di Kenzo, Tsukasa Mabuni.

Shūkōkai (修交会): Fu fondato nel 1949 da Chōjirō Tani, un allievo di Mabuni Kenwa. Questo stile e le sue varie branche e derivazioni rappresentano la versione Tani-ha dello Shitō-ryū.

Itosu-kai(糸洲会): Fondata il 1º marzo 1940 come "Shito-ryu Karate Sakagami Dojo" a Kawanishi, prefettura di Hyōgo [2] dallo studente di Mabuni Kenwa Ryusho Sakagami (1915-1993). Il 2 gennaio 1952 è diventato il 3° soke (maestro capo della scuola) di Itosu-ha, rendendo merito a Itosu e Mabuni, e ha ufficialmente nominato l'organizzazione "Japan Karatedo Itosu-kai" e successivamente lo stile "Itosu-ryu" (nel 1969). La branca è ora diretta dal figlio di Ryusho, Sadaaki Sakagami, 4° soke dell'Itosu-kai.
Seishin-kai (聖心会): Fondato da Kōsei Kokuba, allievo di Kenwa Mabuni e di Chōki Motobu nel 1943 a Osaka, Giappone. Questa scuola originariamente rappresentava lo Shitō-ryū di Motubu, ma non rivendica più questa linea di discendenza.


il maestro Kenwa Mabuni

Kenwa Mabuni (1889 - 1952)

Kenwa Mabuni era pari livello con Funakoshi Gichin (fondatore dello stile Shotokan).
Funakoshi Gichin imparò i kata da Kenwa Mabuni: Per espandere la sua conoscenza inviò il figlio Gigō per studiare i kata nel dōjō di Mabuni a Osaka.
Kenwa Mabuni, Motobu Chōki ed altri Okinawensi insegnarono attivamente il karate in Giappone prima che Gichin Funakoshi 'ufficialmente' importò il karate da Okinawa al continente giapponese.

Shitō-ryū (糸東流) è una scuola di karate fondata da Kenwa Mabuni nel 1931.[2] Nel 1939 lo stile fu ufficialmente registrato alla Sede Centrale del Butoku Kai.

Nato nel 1889 a Shuri, un distretto di Naha ad Okinawa, Mabuni Sensei era un discendente della famosa famiglia Samurai Onigusukini. Forse a causa della sua costituzione debole, all'età di 13 anni, iniziò l'addestramento nell'arte dello Shuri-Te (首里手) nella sua piccola città, sotto la tutela del leggendario Ankō Yasutsune Itosu (糸州安恒) (1813 -1915). Si addestrò assiduamente per molti anni, imparando parecchi kata da questo grande maestro. Fu Itosu che per primo sviluppò i kata Pinan dai quali probabilmente fu dedotta la forma 'Kusanku'. Uno dei suoi migliori amici, il Sensei Chōjun Miyagi (宮城長順) (fondatore del Gōjū-ryū), presentò Mabuni ad un altro grande di quel periodo: Sensei Higaonna Kanryō (東恩納寛量), con il quale imparò il Naha-Te (那覇手). Mentre Itosu e Higashionna gli insegnarono lo stile 'duro-morbido' di Okinawa, 'Te', i loro metodi erano piuttosto distinti: il programma di studi di Itosu includeva tecniche forti e lineari, come esemplificato nei kata Naifanchi e Bassai. Il programma di Higashionna diede maggiore rilevanza alle tecniche circolari e ad altri metodi di combattimento come visto nelle popolari forme come il Seipai ed il Kururunfa. Dal quel momento in poi lo Shitō-ryū si concentrò sulle tecniche "dure e morbide".
Mabuni pubblicò diversi libri sull'argomento e continuò a sistematizzare il suo metodo di allenamento. Nei suoi primi anni, sviluppò un kata formale, ovvero Aoyagi e Meijō, per esempio, i quali furono designati specificatamente per l'autodifesa delle donne. Forse più di ogni altro maestro del secolo scorso, Mabuni si dedicava alle tradizioni e alla storia del Karate-do con un contemporaneo sguardo al futuro, abbastanza per rendersi conto che si sarebbe potuto diffondere in tutto il mondo. Al giorno d'oggi lo Shitō-ryū riconosce le influenze di Itosu e di Higashionna: l'insieme dei kata dello Shito-ryū è infatti ancora spesso elencato in modo tale da mostrare entrambi i linguaggi.
Morì nel 1952. Gli successero i figli Kenei e Kenzo.

Dopo la morte di Kenwa Mabuni si svilupparono altre scuole di Shitō-ryū, sia perché la morte di un fondatore normalmente sfocia in una disputa su chi gli succederà come leader della scuola, sia perché molti maestri emergenti scelgono di modificare lo stile, creando nuove branche.

Kunshi no Ken (La Disciplina Nobile)


Il motto del maestro Mabuni era: "Kunshi no Ken" che significa concentrarsi nel coltivare se stessi per diventare un individuo forte e rispettoso. La persona che riesce a fare questo, come anche esercitarsi con autodispilina e rispetto in tutte le situazioni, che è capace di assumersi le responsabilità per le proprie azioni e di mantenere la propria integrità come esempio per gli altri, è da considerarsi un praticante di Shito-ryu. Questo motto può essere seguito da tutti i praticanti di Karate.
Heijutsu no Sanbyo [modifica | modifica sorgente]

Le tre debolezze o malanni delle Arti Marziali per Kenwa Mabuni sono:
Hitotsu - Giryo (Uno - Dubbio e Scetticismo)
Hitotsu - Ketai (Uno - Negligenza)
Hitotsu - Manshin (Uno - Egoismo)


 

... fonte : Wikipedia.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu